I nostri Social

Juventus

Calvo: “Mondiale per Club grande opportunità”

Pubblicato

il

Francesco Calvo a “Calcio e Finanza” parla del Mondiale per Club e non solo.

Lunga intervista al Managing Director Revenue & Football Development della Juventus Francesco Calvo che, a “Calcio e Finanza”, parla del Mondiale per Club e dei futuri scenari che si possono aprire per la Juventus.

Riportiamo i punti salienti.

“Una grandissima opportunità”

“Il Mondiale per Club per noi è una grandissima opportunità, era estremamente importante qualificarci per il futuro della Juventus non solo per quanto riguarda il tema della sostenibilità economica ma anche per la forza commerciale e l’appeal che il nostro club potrà avere a livello internazionale. Questo detto, c’è un elemento di curiosità per capire come sarà questo Mondiale nella sua prima edizione, con 32 club per un mese negli USA. Infatti non sappiamo bene ancora quale sarà l’impatto del torneo, visto che sarà in un momento della stagione particolare considerando che si giocherà tra metà giugno a metà luglio, sarà molto interessante”

“Il nuovo Main Sponsor? Ci stiamo lavorando”

Scade il contratto con “Jeep” e la Juve è alla ricerca di un nuovo Main Sponsor, le voci parlano di uno sponsor arabo con eventuali successive acquisizioni di quote societarie.

LEGGI ANCHE:  Juventus: Kulusewski non le manda a dire

“Ci stiamo lavorando. È una sfida importante per noi anche perché era da tanti anni che non andavamo sul mercato per cercare uno sponsor di maglia. Inoltre arriviamo da anni complicati per quanto concerne l’immagine del brand Juventus, questo è un dato di fatto. Poi c’è una considerazione più generale: per il prestigio del nostro blasone è difficile trovare il partner adatto ma la grandezza del nostro marchio si definisce anche da quanti no riusciamo a dire visto che non siamo un marchio per tutti. In questo momento è molto difficile dire di no ma siamo ancora nella fase in cui diciamo tanti no alla ricerca del partner giusto”

“Siamo orgogliosi di rappresentare Torino, ma ogni tanto sogno di essere a Milano”

“A livello prettamente commerciale Milano offre opportunità superiori rispetto a Torino. Il nostro team commerciale è stabilmente nel capoluogo lombardo, che alla fine è il centro economico italiano. Noi per quanto siamo vicini, scontiamo questo problema. Ogni tanto sogno di essere a Milano come società, ma ci sono già due squadre e non ci sarebbe spazio. Detto questo, siamo orgogliosi di poter rappresentare Torino nel mondo, una città a cui siamo storicamente molto legati e che anche i nostri tifosi, italiani e internazionali, considerano casa, una città alla quale Juventus apporta valore in termini di notorietà ed in termini economici, visto l’impatto che ogni partita della Juventus ha sul territorio”.

“Il gap con la Premier League? Ogbonna fu il primo segnale”

 “Basti pensare che nel 2013 la Juventus vendette Ogbonna al West Ham e molti di noi erano stupiti che il West Ham si potesse permettere di prendere un giocatore che era nazionale italiano ed era alla Juventus. Allora era un segnale di allarme e oggi è la norma. Oggi i nostri giocatori possono andare o alle grandi europee o alle medio-basse inglesi che hanno più risorse di noi. Fa spavento pensare che l’ultima squadra inglese incassi più della prima italiana. Si parla sempre delle prime cinque leghe d’Europa, ma in realtà ce n’è una che è l’Inghilterra, dietro c’è la Spagna e poi ce ne sono tre che sono Italia, Francia e Germania”.

La cessione di Ogbonna al West Ham secondo Calvo era il primo segnale di allarme del gap che si stava creando con la Premier League

 

LEGGI ANCHE:  Le Women regolano il Sassuolo
Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *