I nostri Social

Juventus

“La Juventus spiata in quattro occasioni”

Pubblicato

il

Dall’inchiesta di Perugia emerge un quadro inquietante.

Secondo quanto riporta nella sua edizione odierna il  “Corriere dello Sport-Stadio” emergerebbero seri indizi  dall’inchiesta in corso a Perugia  che dimostrerebbero che la Juventus sarebbe stata “spiata” almeno quattro volte senza alcuna autorizzazione e configurerebbero un disegno per danneggiarla.

Gli indizi

Tutto partirebbe da quando Suarez ha fatto il famoso esame di italiano per acquisire il passaporto proprio nella città umbra con le intercettazioni ai dirigenti date in pasto alla stampa e su cui sono finite sotto indagine diverse persone del Tribunale perugino compreso un ex cancelliere per fuga di notizie.

Ricordiamo che la Procura ha chiuso il caso, definendo praticamente una farsa quell’ inchiesta e ribadendo l’assoluta estraneità alla accuse degli allora dirigenti bianconeri.

Coincidenze sospette sui tempi

Ma ancora più sospette sono alcune coincidenze temporali.

Primo protagonista è stato Massimiliano Allegri.

Come si è iniziato a parlare di un suo ritorno a Torino qualcuno ha avuto accesso ai suoi conti correnti, cercando chissà cosa, probabilmente alcune puntate a casinò on line o su siti di scommesse conoscendo la sua passione per il gioco, sperando chissà che uscisse qualcosa di compromettente (puntate sul calcio?) per una possibile squalifica o, nella migliore delle ipotesi, per lederne l’immagine.

Spiati i conti correnti di Allegri appena emersa la notizia di un suo possibile ritorno alla Juve.

Dentro anche Cristiano Ronaldo

Pare che qualcuno sia entrato anche nei conti correnti di Cristiano Ronaldo nell’estate che precedette il suo addio, mentre preparava gli Europei con la sua Nazionale e aveva già manifestato la sua intenzione di lasciare Torino.

LEGGI ANCHE:  Goal strepitoso di Soulè in nazionale

L’obiettivo era far saltare una cessione che era necessaria per i conti bianconeri in sofferenza?

Anche i conti di Cristiano Ronaldo hanno subito ingressi sospetti poco prima della sua cessione

Pure nei conti correnti di Andrea Agnelli

Ma la coincidenza temporale più clamorosa è quella che riguarda Andrea Agnelli.

La mattina successiva all’ annuncio della Superlega sono iniziati i controlli sui conti dell’ex Presidente bianconero, un tempismo quanto meno sospetto anche alla luce dell’ inchiesta Prisma partita subito dopo che ha portato come sappiamo alle dimissioni dell’ intero CdA e alle recenti vicende extra campo.

Qualcuno voleva colpire la Juve?

Insomma, gli indizi portano a credere che qualcuno volesse colpire la Juventus, ma chi?

Su questo la Procura perugina sta indagando, chiaro che per ora sono solo ipotesi e è giusto andarci cauti, ma se questi sospetti si dimostreranno veritieri, auspichiamo che la società Juventus si faccia sentire in ogni sede per tutelare la sua immagine e, soprattutto, i suoi tifosi e i suoi azionisti che sono stati danneggiati anche economicamente da illazioni che si sono rivelate infondate (Suarez) e da situazioni quanto meno anomale.

LEGGI ANCHE:  Huijsen: "A Giugno torno alla Juve"

Non resta che aspettare gli sviluppi.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *