I nostri Social

Juventus

Juventus, ecco chi potrebbe lasciare Torino

Pubblicato

il

La Juventus deve pensare a cedere coloro che non faranno più parte del progetto tecnico in vista della prossima stagione. In 4 sono pronti a lasciare Torino.

Adrien Rabiot

Sicuramente Alex Sandro e con molta probabilità Rabiot, avendo entrambi il contratto in scadenza, la Juventus li perderebbe a parametro zero. Se per il brasiliano l’addio sarà definitivo, per il centrocampista francese, ancora c’è qualche possibilità di nuovo rinnovo.

Chi ha le valigie in mano è senza dubbio Filip Kostic, l’oggetto misterioso di questa stagione, dopo la discreta prima annata di Serie A.

Insieme a lui rischiano di salutare la Vecchia Signora anche Iling Junior e McKennie, entrambi in scadenza nel 2025 e al momento con un rinnovo lontano.

Kean e Milik potranno essere i sacrificati nel reparto offensivo per potenziare il nuovo attacco a prescindere da chi sarà il nuovo allenatore.

Al momento lì davanti, gli unici certi di vestire la maglia della Juventus sono Yildiz, vicinissimo al rinnovo e Vlahovic.

Capitolo Chiesa potrebbe molto essere il tema dell’estate con la volontà di rimanere nonostante il contratto in scadenza la prossima estate, ma probabilmente senza Allegri in panchina.

LEGGI ANCHE:  Juventus: le ultime su Rabiot, prima della partita con il Frosinone

Con il ritorno di Fagioli, dopo la squalifica per calcioscommesse, il minutaggio per Miretti potrebbe scendere e la possibilità di un’annata in prestito in Serie A potrebbe giovare al classe 2003.

Un oggetto misterioso è stato Weah, unico vero acquisto della povera campagna acquista estiva, ma in caso di offerta potrebbe salutare il campionato italiano dopo appena una stagione.

Infine tiene banco la situazione di Bremer, in quanto dall’ultimo rinnovo è comparsa una clausola da 55 milioni di euro, ma soltanto a partire dalla stagione 2025/2026, quindi almeno di spese folli da parte del Manchester United, il difensore brasiliano sarà il faro bianconero per il prossimo campionato.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *