I nostri Social

Juventus

Beffa a Roma al 93′, vince la Lazio

Pubblicato

il

Quando ormai lo 0-0 sembrava scritto la Lazio trova il goal con Marusic.

La Juventus esce sconfitta a Roma e continua il momento negativo, ancora più alto è il rammarico per aver preso il gol in pieno recupero.

Primo tempo

La Lazio è molto aggressiva ma è la Juve avare la prima occasione con Bremer di testa su una punizione di Chiesa dalla trequarti dopo 10′.

I padroni di casa si fanno vedere dalle parti di Szczesny nella parte centrale con due occasioni di Castellanos: entrambe le conclusioni non creano grattacapi al numero 1 polacco che controlla con lo sguardo che i tiri terminino sul fondo il primo e sull’esterno della rete il secondo.

Szczesny che invece risponde presente al 26′,  quando è bravo a respingere il mancino sul primo palo di Felipe Anderson dal lato sinistro dell’area di rigore.

Chiudono il primo tempo due buone opportunità per Chiesa.

Secondo tempo

Iling-Junior, entrato per De Sciglio, dalla sinistra taglia l’intera area servendo l’accorrente Cambiaso che mette in mezzo ma per un soffio viene anticipato McKennie a porta spalancata.

LEGGI ANCHE:  Szczesny: "Dobbiamo dare qualcosa in più. Sulla Coppa Italia..."

Al 73′ è la Lazio a rendersi pericolosa dalle parti di Szczesny: questa volta è Bremer a sostituirsi al portiere bianconero con una deviazione decisiva con la tibia sulla conclusione di Marusic indirizzata verso lo specchio della porta dopo un assist dalla destra di Immobile.

Un quarto d’ora più tardi è il neoentrato Luis Alberto a andare vicino al gol con un tiro da fuori area deviato da Rugani a pochi centimetri dal palo.

Quando tutto sembrava far pensare allo 0-0, allo scadere della partita la Lazio trova la rete che decide l’incontro con il colpo di testa di Marusic, che viene perso da Sekulov (entrato nel finale e quindi primo calciatore a aver disputato nella stessa stagione almeno un minuto nelle tre serie professionistiche) su cross di Guendouzi.

Non resta nemmeno il tempo di battere il pallone al centro, arriva un altro stop e è il quarto nelle ultime otto partite; urge un cambio di rotta già da Martedì dove le due squadre si ritroveranno a Torino per l’andata della semifinale di Coppa Italia.

Le parole di Allegri

«Siamo molto dispiaciuti e amareggiati per la sconfitta, ci sono episodi che girano a favore ed episodi che girano contro. I ragazzi devono avere fiducia in loro stessi, sono un gruppo straordinario che mette sempre in campo tutto l’impegno. Bisogna continuare a lavorare perché abbiamo davanti ancora due obiettivi importanti come la qualificazione alla Champions League e la Coppa Italia. Non ho niente da rimproverare ai ragazzi, dobbiamo passare questo momento. C’è dispiacere per la sconfitta, nel primo tempo abbiamo avuto situazioni favorevoli. Adesso abbiamo di nuovo la Lazio in semifinale di Coppa Italia, dobbiamo rialzare la testa».

Il migliore

Bremer vero leader in difesa. Ma per almeno un’ora buona la prova pure di Kean in avanti soprattutto sulle sponde.

LEGGI ANCHE:  Juventus: filtra ottimismo sul il rinnovo di Chiesa. Ecco le ultime notizie.

Il tabellino

Rete: 90’+3 Marusic.

Lazio: Mandas; Gila, Romagnoli, Casale; Felipe Anderson, Kamada (80’ Guendouzi), Cataldi (80’ Vecino), Marusic; Zaccagni (84’ Luis Alberto), Pedro (58’ Isaksen); Castellanos (58’ Immobile). A disposizione: Sepe, Renzetti, Gabarron, Hysaj.

Allenatore: Igor Tudor.

Juventus: Szczesny; Danilo, Bremer, Rugani, De Sciglio (46’ Iling-Junior); Miretti (46’ McKennie), Locatelli, Rabiot; Cambiaso (63’ Weah), Kean (80’ Sekulov), Chiesa (69’ Yildiz). A disposizione: Perin, Pinsoglio, Gatti, Djaló, Nicolussi Caviglia, Nonge Boende.

Allenatore: Massimiliano Allegri.

Arbitro: Andrea Colombo.

Assistenti: Fabiano Preti e Valerio Vecchi.

Quarto Ufficiale: Matteo Marchetti.

VAR: Paolo Silvio Mazzoleni.

AVAR: Daniele Chiffi.

Ammoniti: Iling-Junior (J), Weah (J), Immobile (L).

Recupero: 3’ st.

JUVENTUS

Allegri:”Dispiace perdere così ma non dobbiamo abbatterci, abbiamo la Coppa Italia e la qualificazione Champions da raggiungere”

 

 

 

 

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *