I nostri Social

News

Juventus, Antognoni:”Per la Fiorentina i bianconeri sono la squadra da battere”

Pubblicato

il

Juventus

Juventus: Antognoni ha rilasciato un’intervista dove parla della prossima partita di campionato, che si giocherà tra la Fiorentina e i bianconeri.

 

Juventus

 

Il sito www.juventusnews24.com ci riporta quello che ha detto Antognoni alla Gazzetta dello Sport, alla vigilia della patita tra la Fiorentina e la Juventus.

Queste sono le sue dichiarazioni:

Signor Antognoni stata una scelta di vita non andare alla Juventus?

Sì. E non me ne sono mai pentito. Certo all’epoca qualche dubbio mi venne, come è normale che fosse. Ero giovane, apprezzato. E quella era la Juventus del Trap, la squadra più forte d’Italia che aveva già vinto un paio di scudetti. La Fiorentina invece finiva sempre lontana dalle posizioni di vertice…”.

Ci parli del suo rapporto con Gianni Agnelli?

L’Avvocato mi stimava, non l’aveva mai nascosto. Ogni tanto lo incrociavo negli androni degli spogliatoi, quando giocavamo contro la Juventus. In verità tornò sull’argomento una sola volta, nel 1982, proprio alla vigilia della finale mondiale con la Germania. Come sa, ero infortunato e quella finale non la giocai, stavo nella hall dell’albergo della Nazionale a Madrid, quando mi si avvicinò l’Avvocato. E mi disse: “Antognoni, lo sa che lei è stato l’unico giocatore ad aver rifiutato la Juventus?”.

E con Boniperti?

LEGGI ANCHE:  Leonetti ai microfoni di CS: "Inter favorito, ma la Juve... e sul mercato un centrocampista e..."

Con Boniperti c’era un rapporto amichevole, ci si vedeva più spesso, conoscevo bene anche i suoi figlioli ma no, non abbiamo mai affrontato quella questione. Era una persona talmente rispettosa che non avrebbe mai detto qualcosa di inopportuno. Avevo detto no alla Juve, ed era finita ».

Perchè la rivalità con la Juventus?

“É una cosa che dura da un sacco di tempo. I fiorentini sono così. La Juve è la squadra da battere. Ci sono stati anni di grandi tensioni. Penso a quando – prima del Mundial 1982 – ce la giocammo punto a punto fino all’ultima giornata…”.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *