I nostri Social

Juventus

Caso Osimhen: De Laurentiis accusa Giuntoli

Pubblicato

il

De Laurentiis sentito ieri in Procura a Roma sul caso Osimenh.

Su sua richiesta il Presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è stato sentito ieri in Procura a Roma in merito all’ indagine sull’acquisto di Osimenh da parte della società campana.

La vicenda

Osimhen è stato acquistato dal Napoli nell’estate del 2020 per oltre 71 milioni di euro, 50 dei quali pagati subito al Lille. Una trattativa che ha generato quasi 20 milioni di plusvalenze sulle quali la Guardia di Finanza indaga da quasi due anni, soprattutto in merito alla valutazione, 21 milioni e 250 mila euro, attribuita a quattro calciatori del Napoli ceduti ai francesi come parziale contropartita tecnica: il portiere Orestis Karnezis e i giovani, che all’epoca giocavano con la Primavera campana, Claudio Manzi, Luigi Liguori e Ciro Palmieri.

A differenza di Karnezis nessuno dei tre giovani giovani ha mai giocato nel Lille e poi sono finiti nelle serie dilettantistiche o hanno smesso.

“Trattativa interamente condotta da Giuntoli”

Il Presidente del Napoli ha negato ogni responsabilità, come riporta Il Fatto Quotidiano, asserendo che la trattativa è stata condotta interamente dall’ attuale DS bianconero Giuntoli.

LEGGI ANCHE:  Obiettivi sfumati o finti obiettivi?

L’operazione col Lille per l’attaccante nigeriano è stata “puramente sportiva”. Così come le valutazione dei giovani calciatori Palmieri, Liguori e Manzi (più l’esperto Karnezis). La trattativa è stata condotta per intero dall’ex direttore sportivo Giuntoli. Io non credo nemmeno di averlo mai conosciuto il Presidente del Lille”.

Juventus

“Trattativa condotta interamente da Giuntoli” ha dichiarato De Laurentiis

Cosa può succedere

Difficile fare previsioni dal punto di vista della Giustizia Sportiva e lo sappiamo bene a nostre spese.

Sinceramente ci riesce difficile credere che un Presidente di una società di serie A sia completamente all’ oscuro di quanto fanno i propri dipendenti, probabilmente è una strategia difensiva di De Laurentiis per evitare guai al Napoli sia in sede penale, dove l’eventuale capo di imputazione sarebbe il falso in bilancio, che sportiva, senza contare che, cosa ormai ben nota, la separazione fra De Laurentiis e Giuntoli non è stata certo amichevole.

Non resta che attendere.

 

LEGGI ANCHE:  Juventus, il nome che piace a Giuntoli

 

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *