I nostri Social

Juventus Women

Arianna Caruso – Juve 2026!!!

Pubblicato

il

Annunciato il rinnovo di Arianna Caruso fino al 2026.

Dal sito della Società apprendiamo del prolungamento del contratto a Arianna Caruso fino al 2026. Dopo Cristina Girelli e Sara Gama un altro pilastro della Juventus Women proseguirà la sua avventura in bianconero.

La storia d’amore fra la Juve e Arianna nel Comunicato della Società

“E’ arrivata che era una ragazza di 17 anni. Giovane, forte, con tante speranze e altrettanti sogni. Oggi, è una donna matura, una calciatrice di 24 anni e, anche se molti di quei sogni si sono gradualmente trasformati in realtà, Arianna Caruso conferma a tutti che ci sono ancora tante pagine da scrivere, insieme.

E’ ufficiale, infatti, il rinnovo di contratto con la Juve, fino al 30 giugno 2026.Quello di Caru non è un annuncio “normale”,  basti pensare che lei è, semplicemente,  la giocatrice con più presenze nella storia delle Juventus Women, considerando tutte le competizioni (210), nonché la prima, e finora unica bianconera ad aver già raggiunto la soglia delle 200 caps.

Non solo: lei, come tante altre super campionesse che ancora oggi scrivono la storia delle Juventus Women, era presente fin dalla prima, primissima volta, in quella caldissima giornata di agosto 2017, a Pianezza, quando tutto ebbe inizio.

ALCUNI DATI DI UN CAMMINO INCREDIBILE

Considerando tutte le competizioni, soltanto Lisa Boattin (180) conta più partite da titolare di Arianna Caruso con la maglia della Juventus (153).

Solo Cristiana Girelli (116) e Barbara Bonansea (82) hanno segnato più gol di Arianna Caruso con la maglia della Juventus in tutte le competizioni (54).

Da quando è nata la Juventus (2017) Arianna Caruso è l’unica giocatrice ad aver segnato almeno tre gol in bianconero in ognuna delle sette stagioni disputate dal club considerando tutte le competizioni.

Da quando milita nella Juventus (2017/18), Arianna Caruso è la centrocampista che ha segnato più gol in Serie A: 33 in 140 presenze nel massimo campionato.

Dal 2020/21 è la centrocampista coinvolta in più marcature in Serie A (45 – 26 reti e 19 assist) ed è anche l’unica giocatrice in generale ad aver servito 10 passaggi vincenti in una singola edizione del torneo (10 nel 22/23).

Un percorso che continua. Insieme. Ed è una notizia bellissima.

L’emozione di Arianna

“Sono felice, onorata. Firmo un contratto fino al 2026 con questa maglia, per me è un motivo d’orgoglio, qualcosa che non avrei mai creduto possibile, sono contenta di quello che ho fatto, e non vedo l’ora di continuare a scrivere pagine di successo insieme

Quali parole mi vengono in mente pensando alla mia avventura bianconera? Passione, perché questo è la Juventus; poi, direi, allo stesso tempo, sogno: non avrei mai pensato di vestire questa maglia, era qualcosa di impossibile. E infine difficoltà, perché all’inizio è stato difficile: ero giovane, ho lasciato casa, scuola e quello che avevo a Roma”.

Sette anni intensi

“Ricordo molto bene quella prima volta a Pianezza, nel 2017, ma ricordo anche i primi momenti qui, con i miei genitori: vedere i trofei, lo stadio, era qualcosa di choccante, e contemporaneamente un sogno che diventava realtà. Ho chiari in mente tutti i passi che ho fatto da allora, e penso che li porterò sempre con me”

Non è semplice trasmettere quello che le più grandi hanno trasmesso a me. Penso a ragazze come Rosucci, Gama, Bonansea, che mi hanno fatto vivere i valori della Juventus. Soprattutto per me è stata fondamentale Martina: è stato un pezzo importantissimo del mio percorso. Ora i tempi sono cambiati, io spero di riuscire a trasmettere alle giovani quello che le mie compagne hanno dato a me. Se sono qui ora è anche grazie a loro; non ho ancora realizzato a pieno il valore di quello che noi abbiamo vissuto in questi anni, ma credo che nel tempo sarà chiaro a chi passerà da qui”

Una partita? Più che altro direi che ho in mente una stagione, quella in cui abbiamo vinto 22 partite su 22 in campionato: è stata pazzesca. Ma i ricordi sono tantissimi, la première con la Fiorentina all’Allianz Stadium con 40 mila persone, le gare di Champions. Per fortuna sono troppe le partite, significa che ho tanti bellissimi ricordi. L’obiettivo? Vincere. Tutto.

 

LEGGI ANCHE:  Juventus, Padovan: "Allegri è criticato, ma neanche Conte andrebbe meglio"

 

 

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *